FTCC | Studio Legale Associato

FTCC

News

Questione di… tonalità

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 10456 del 3.06.2020, ha rigettato il ricorso del consumatore che aveva dedotto, tra l’altro, la violazione e falsa applicazione degli artt. 129 e 130, comma 7 e 10, del D.lgs. 206/2005 (Codice del Consumo) da parte del Tribunale che, in sede di appello, riformando la decisione del Giudice di pace, aveva rigettato la domanda di risoluzione del contratto di compravendita di un divano per vizi della cosa venduta.

La Suprema Corte ha evidenziato come il Tribunale, applicando l’art. 130 del Codice del Consumo, avesse qualificato il vizio contestato (ossia la diversa tonalità di colore del sofà consegnato rispetto a quella ordinata) come difetto di conformità, con conseguente diritto del consumatore di ottenere, senza spese, il ripristino di detta conformità mediante riparazione o sostituzione, ovvero una riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto. Il Tribunale aveva però ritenuto che la difformità lamentata fosse di lieve entità e ciò sia sulla base sia di un criterio oggettivo (il colore del divano era pur sempre quello ordinato), sia sul comportamento del consumatore che, subito dopo la consegna, aveva inviato al venditore i dati per la fatturazione, senza avanzare qualsivoglia contestazione.

Inoltre, l’acquirente non aveva avanzato alcuna richiesta di sostituzione neanche successivamente, alienando l’appartamento insieme ai mobili ivi esistenti. Pertanto ed in applicazione della citata normativa, trattandosi di difetto di conformità di lieve entità, il consumatore non avrebbe avuto diritto di chiedere la risoluzione del contratto; infatti, qualora il difetto di conformità sia di lieve entità e non sia possibile, o sia eccessivamente oneroso, esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, l’art. 130, ultimo comma, del Codice del Consumo esclude che si possa chiedere la risoluzione del contratto. Nel caso di specie, avendo alienato anche il mobilio, unitamente all’appartamento, il consumatore avrebbe potuto formulare solo la domanda di riduzione di prezzo. Ma ciò non è stato.

Avv. Rosanna Bisegna


categoria:Attività d’impresa