FTCC | Studio Legale Associato

FTCC

News

image newsletter LP maggio 2018

L’8 maggio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame definitivo il decreto legislativo che introduce misure necessarie all’attuazione della direttiva (UE) 2016/943 sulla protezione del know how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l’acquisizione, l’utilizzo e la divulgazione illeciti.

Ai fini dell’adeguamento della normativa nazionale alla citata direttiva, il decreto interviene sul codice della proprietà industriale e sulle disposizioni del codice penale in materia. In particolare, il decreto amplia il divieto, già esistente, di acquisire, rivelare o utilizzare, in modo abusivo, le informazioni ed esperienze aziendali riservate, salvo il caso in cui siano state conseguite “in modo indipendente dal terzo”, stabilendo che l’acquisizione, l’utilizzazione o la rivelazione dei segreti commerciali si considerano illecite anche quando il soggetto, al momento dell’acquisizione, dell’utilizzazione o della rivelazione era a conoscenza o, secondo le circostanze, avrebbe dovuto essere a conoscenza del fatto che tali segreti erano stati ottenuti direttamente o indirettamente da un terzo che li utilizzava o rivelava illecitamente.

Inoltre, il decreto prevede che la produzione, l’offerta o la commercializzazione di “merci costituenti violazione” – e cioè di merci delle quali la progettazione, le caratteristiche, la funzione, la produzione o la commercializzazione beneficiano in maniera significativa  dei segreti commerciali acquisiti, utilizzati o rivelati illecitamente – oppure l’importazione, l’esportazione o lo stoccaggio delle medesime merci costituiscono un utilizzo illecito di segreto commerciale anche quando il soggetto che svolgeva tali attività era a conoscenza (o, secondo le circostanze, avrebbe dovuto essere a conoscenza) del fatto che il segreto commerciale era stato utilizzato illecitamente.

Vi sono, poi, specifiche previsioni rivolte a preservare la segretezza delle informazioni durante i procedimenti giudiziari relativi all’acquisizione, all’utilizzazione o alla rivelazione illecite dei segreti commerciali. Spetta al Giudice il potere di adottare i provvedimenti che, nel rispetto dei principi regolatori del giusto processo, appaiono più idonei a tutelare la riservatezza dei segreti commerciali oggetto di causa.

Infine, riguardo alle sanzioni, il decreto interviene sull’art. 623 cod. pen., prevedendo la pena della reclusione fino a due anni per chiunque, avendo acquisito in modo abusivo segreti commerciali, li rivela o li impiega a proprio o altrui profitto.

Avv. Luciana Porcelli


categoria:Concorrenze sleale, know-how e segreto industrialeNews