FTCC | Studio Legale Associato

FTCC

News

foto 2

Con sentenza n. 1935 del 27.01.2017 la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito all’estensione del termine di protezione dei diritti connessi al diritto d’autore, introdotta dall’art. 17, L. 52/1996.

Tale disposizione – con cui è stata data attuazione alla Direttiva n. 93/98/CEE – ha modificato la legge sul diritto d’autore (n. 633/1941), elevando a 70 anni il termine di protezione dei diritti di utilizzazione economica delle opere dell’ingegno, e a 50 anni il termine di protezione dei diritti connessi all’esercizio del diritto d’autore.

La norma in questione prevede altresì che, in assenza di una esplicita pattuizione, l’elevazione della durata di protezione dei diritti dei produttori di opere cinematografiche o audiovisive o di sequenze di immagini in movimento, nonché dei produttori di opere fonografiche, non comporta l’automatica estensione dei termini di cessione dei diritti di utilizzo economico delle opere dell’ingegno effettuata dai loro autori; tale previsione sembra dunque escludere l’efficacia retroattiva della novella.

Il secondo comma della disposizione in esame, tuttavia, prevede che i termini di durata di protezione disciplinati nel comma 1 si applicano anche alle opere ed ai diritti non più protetti sulla base dei termini previgenti, sempreché, per effetto dell’applicazione di tali termini, tali opere e diritti ricadano in protezione alla data del 29 giugno 1995; tale norma sembra dunque riconoscere efficacia retroattiva all’estensione del termine di protezione dei diritti connessi.

In proposito, la Suprema Corte ha chiarito che “la necessità di nuova manifestazione di consenso, cui allude il citato art. 17, comma 1 non si estende al di là dell’ambito letterale della disposizione attinente al rapporto tra il produttore fonografico e l’autore dell’opera”. Con riguardo invece al rapporto con gli artisti, interpreti esecutori, il prolungamento dei termini di protezione a 50 anni opera automaticamente, ai sensi dell’art. 17, comma 2, purché quelle opere e quei diritti rientrino alla data del 30.06.1995 nel termine prolungato di 50 anni a decorrere dal momento in cui è iniziata la loro protezione.

Avv. Carlo Polizzi


categoria:Diritto d’autoreNews